Mohawk nomina Glenn R. Landau come Chief Financial Officer

CALHOUN, Ga., March 14, 2019 (GLOBE NEWSWIRE) — Mohawk Industries, Inc. (NYSE: MHK) ha annunciato oggi la nomina di Glenn R. Landau a chief financial officer e vicepresidente esecutivo della società a decorrere dal 1° aprile 2019: succederà a Frank H. Boykin che ha comunicato a novembre il suo pensionamento programmato.  “La profonda esperienza operativa e finanziaria di Glenn Landau e il suo background nel panorama aziendale internazionale sosterranno ulteriormente gli sforzi profusi per conseguire i nostri obiettivi di performance e generare una crescita redditizia,” ha dichiarato Jeffrey S. Lorberbaum, presidente e chief executive officer di Mohawk. “Lo storico di Glenn di grandi successi alla guida di divisioni aziendali globali conferisce al suo ruolo di CFO una preziosa prospettiva, che andrà a integrare il resto del team e contribuirà ad accelerare i miglioramenti dell’intera società. Essendosi occupato di profitti e perdite in incarichi sia nazionali che internazionali, Glenn sa bene come stimolare i risultati e creare il valore migliore per gli azionisti.”  Landau (50 anni) ha iniziato la sua carriera nel 1991 in International Paper (IP), passando dalla divisione ingegneristica a quella manifatturiera. Ha rivestito ruoli manageriali generali nei reparti packaging dell’azienda, sia negli USA che in Europa, per poi assumere la responsabilità strategica delle risorse forestali, immobiliari e minerarie di IP nel 2003. Nel 2007, Landau è stato nominato vicepresidente e general manager della divisione packaging CCM e ha svolto un ruolo essenziale nell’acquisizione e integrazione delle divisioni packaging e riciclaggio di Weyerhaeuser. Nel 2011 è stato insignito di un ruolo finanziario, divenendo vicepresidente delle relazioni con gli investitori di IP. Dal 2013 al 2016 è stato Presidente dell’entità carta e packaging di IP in Brasile, con piena responsabilità per lo stato patrimoniale della direzione strategica e di segmento del mercato latino americano. Più di recente, è stato chief financial officer di IP, dove ha guidato la funzione finanziaria globale della società, gestendone il processo di allocazione del capitale e le iniziative di creazione di valore, nonché amministrando un team di oltre 2.500 professionisti finanziari e IT a livello mondiale. “Sono felice di entrare a far parte di un’organizzazione dinamica come Mohawk,” ha dichiarato Landau. “Sono ansioso di guidare il suo stimatissimo team finanziario e di continuare l’espansione della società in nuovi mercati e categorie di prodotti.” Come precedentemente annunciato, Frank Boykin assumerà un ruolo di consulente senior all’interno dell’azienda, coadiuvando il passaggio di consegne. Negli ultimi 25 anni, i preziosi contributi di Frank hanno aiutato Mohawk ad affermarsi come la più importante società di pavimentazioni al mondo,” ha spiegato Lorberbaum. È a lui che si deve l’istituzione di un talentoso team di esperti finanziari, che con il loro ottimo lavoro garantiranno una transizione senza soluzione di continuità.” MOHAWK INDUSTRIES Mohawk Industries è il principale produttore globale di pavimentazioni con prodotti che spaziano dall’edilizia residenziale a quella commerciale in tutto il mondo. I processi manifatturieri e di distribuzione verticalmente integrati di Mohawk garantiscono all’azienda vantaggi competitivi nella produzione di moquette, tappeti, piastrelle in ceramica, laminato, parquet, pietra e rivestimenti in vinile. Grazie a una capacità innovativa senza pari nel settore, i prodotti e le tecnologie di Mohawk si differenziano dagli altri brand sul mercato, soddisfacendo tutti i requisiti di ristrutturazione e nuova costruzione. I nostri marchi sono fra i più famosi nel settore e includono American Olean, Daltile, Durkan, Feltex, Godfrey Hirst, IVC, Karastan, Marazzi, Mohawk, Mohawk Group, Pergo, Quick-Step e Unilin. Nell’ultimo decennio, Mohawk si è evoluto da produttore di tappeti americano nella più grande società di pavimentazioni al mondo, con sedi operative in Australia, Brasile, Canada, Europa, India, Malesia, Messico, Nuova Zelanda, Russia e Stati Uniti. Alcune delle dichiarazioni contenute nei precedenti paragrafi, nella fattispecie quelle relative a performance future, prospettive aziendali, crescita, strategie operative e aspetti simili, nonché quelle che includono termini come “potrebbe”, “dovrebbe”, “si ritiene”, “si prevede”, “ci si aspetta” e “si stima” o espressioni simili, costituiscono dichiarazioni meramente previsionali. Per tali dichiarazioni Mohawk si appella alla tutela della limitazione di responsabilità (safe harbor) per le dichiarazioni previsionali ai sensi dal Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Non vi è garanzia riguardo alla correttezza delle dichiarazioni previsionali, essendo le stesse basate su molte ipotesi, che presuppongono rischi e incertezze. I seguenti importanti fattori potrebbero determinare risultati futuri diversi: variazioni delle condizioni economiche o settoriali; concorrenza; inflazione e deflazione dei prezzi delle materie prime e di altri costi di input; inflazione e deflazione nei mercati di sbocco; costi e fornitura dell’energia; tempistiche e portata degli investimenti; tempistiche e implementazione di rincari per i prodotti della Società; oneri di svalutazione; integrazione di acquisizioni; operazioni internazionali; introduzione di nuovi prodotti; razionalizzazione delle operazioni; tasse e riforme fiscali; rivendicazioni relative ai prodotti e di altro genere; controversie; e altri rischi identificati nelle relazioni per la SEC e negli annunci pubblici di Mohawk. Frank Boykin, 706-624-2695